FOTOGRAFIA E CINEMA: UNA CONNESSIONE INDISSOLUBILE

2 febbraio 2020

Marina Spada e Maurizio G. De Bonis
 
La connessione tra fotografia e cinema è un dato di fatto inoppugnabile non solo per quel che riguarda questioni tecnico-linguistiche. La relazione tra queste due discipline visive è infatti regolata anche da elementi poetici e filosofici condivisi e può essere, con tutta evidenza, identificata nelle articolazioni stilistiche sia di opere cinematografiche di importanti registi sia nei lavori visuali di grandi fotografi.

 

 
Marina Spada
si occupa dal 1979 di televisione, cinema e documentari. Tra i suoi lavori ricordiamo i videoritratti per la serie televisiva Grandi Fotografi, tra i quali quello dedicato a Gabriele Basilico. Il lungometraggio Forza Cani (2002) è la prima esperienza italiana di produzione compartecipata sul web e in digitale. Il mio domani è stato presentato al Festival di Roma 2011. Al film è stato dedicato un libro fotografico i cui autori sono Gabriele Basilico e Toni Thorimbert. Con i suoi lavori ha vinto circa 30 premi nazionali e internazionali.

 

Maurizio G. De Bonis è giornalista, critico cinematografico e delle arti visive e curatore. È direttore responsabile di Cultframe - Arti Visive. Ha diretto per quindici anni CineCriticaWeb. Ha scritto di cinema su cinema.it, CineCritica, La Voce Repubblicana e curato un blog di fotografia per L’Huffington Post Italia. Ha pubblicato cinque libri sul rapporto tra cinema e fotografia e sulla fotografia contemporanea. Ha curato mostre fotografiche per istituzione pubbliche, gallerie e musei internazionali.


INFORMAZIONI:

Ingresso libero fino ad esaurimento posti. I posti per le conversazioni, i tavoli di lavoro e le proiezioni verranno assegnati a partire da un’ora prima dell’inizio di ogni appuntamento. Possibilità di prenotare riservata ai soli possessori della PdE card. L’ingresso non sarà consentito a evento iniziato.

Sala Cinema

Scalinata di via Milano 9a

DATE:
2 febbraio 2020, 18:30