PRESENTAZIONE DEL LIBRO "I PIONIERI" DI LUCA SCIVOLETTO

15 dicembre 2019

Con Carla Fiorentino e Luca Scivoletto.
 
Nella Sicilia della fine degli anni '80, i genitori di Enrico Belfiore hanno un'unica passione – la politica, il Partito, il comunismo – e seguendo principi ben chiari hanno educato i figli: mai una gita al mare, mai una vacanza, mai fraternizzare con le famiglie che votano Dc, niente vestiti di marca, mai cedere al consumismo, presenza obbligatoria alle manifestazioni e alle marce per la pace. Michele, il padre, è il vicesegretario regionale del Pci; Luisa, la madre, sta cercando da anni di laurearsi in Psicologia; Chiara, la sorella maggiore, andrà presto via di casa per studiare all'università e sobilla il fratello alla rivolta, anche perché – dice sadica – i genitori presto si separeranno. Sì perché Enrico, diversamente dal suo amico Renato che pensa solo a essere un bravo comunista, vuole essere un ragazzino normale, avere le scarpe che hanno tutti, giocare a calcio, mettersi con la compagna di classe di cui si è innamorato e che cerca disperatamente di conquistare anche se è figlia di costruttori, vuole scrollarsi di dosso quella fama noiosa di piccolo sovietico. E durante il suo primo anno di scuola media lavorerà strenuamente alla propria "liberazione", tra litigi con Renato, comizi e riunioni in sezione, bugie ai genitori e nuove amicizie (tutte da evitare in teoria). Solo che un pizzico di fortuna servirebbe per non essere scoperti... Da una provincia marginale, con un passo comico disarmante Luca Scivoletto racconta la fine del più grande partito comunista d’Europa, la caduta del Muro di Berlino e la Svolta di Occhetto, il crollo del Pci nelle parole di un ragazzino quasi adolescente in lotta per la propria indipendenza. L'esordio letterario nostalgico e scanzonato di uno dei più talentuosi sceneggiatori italiani della nuova generazione.
 
Luca Scivoletto (Modica, 1981), regista e documentarista, ha conseguito il dottorato di ricerca in Cinema presso l'Università di Roma La Sapienza. Ha iniziato girando i cortometraggi Ho deciso (2004), vincitore del Festival de la 25a ora su La7, e Ieri (2006) con cui ha partecipato alla Berlinale Talents e al Rotterdam International Film Festival. Successivamente ha realizzato i documentari A Nord Est (2010), Max (2010), Con quella faccia da straniera (2013), e il mockumentary L'uomo pietra (2015), presentati e premiati in numerosi festival internazionali. Nel 2018 ha scritto 1938 Diversi, presentato alla 75a Mostra del Cinema di Venezia e vincitore del Nastro d'Argento come miglior documentario.


INFORMAZIONI:

Ingresso libero fino a esaurimento posti

Bookstore | Piano Zero

via Milano 15/17

DATE:
15 dicembre 2019, 18:00