PRESENTAZIONE DEL LIBRO "PRIGIONE" DI EMMY HENNINGS

23 aprile 2019

Parteciperanno EDOARDO ALBINATI, MARCO FEDERICI SOLARI, EDDA GABER
 
Prigione è l’esordio letterario di Emmy Hennings, pubblicato nel 1919 e finora inedito in Italia. Alla sua uscita venne accolto dalla critica tedesca come un viscerale grido di denuncia contro l’inumanità del carcere. Hennings, assidua frequentatrice delle avanguardie artistiche di Berlino e Monaco e animatrice del Cabaret Voltaire di Zurigo, vive buona parte della propria giovinezza in un perenne stato di precarietà economica ed esistenziale. Nel 1914 viene arrestata per furto e incitamento alla diserzione. E proprio dall’esperienza dei mesi trascorsi in una prigione bavarese nasce questo romanzo autobiografico in cui, con una commovente lucidità e un’inestinguibile empatia per il prossimo, l’autrice racconta il trauma della reclusione, l’incapacità di percepirsi come umani di fronte alla perdita della sfera privata, ma anche il disperato bisogno di resistere, di non cedere alla brutalità dell’indifferenza. Dalla sua, Emmy ha la fervida vivacità del proprio mondo interiore e una sensibilità fuori dal comune: risorse che le permettono di affrontare la monotonia di giorni che sembrano tutti uguali e di trasformare il grigio della cella in un orizzonte ricco di colori, tanti quante le sfumature della varia umanità che vive reclusa.
 
Emmy Hennings (1885-1948), poetessa, cantante e performer, è stata una tra le più originali e meno note figure della scena dadaista. Appena maggiorenne, lascia la natia Flensburgo, nel Nord della Germania, per unirsi a una compagnia di teatro itinerante. Partecipa in prima persona alle vicende del sottobosco artistico della Monaco e della Berlino d’inizio Novecento. In fuga dalla guerra, nel 1915 si trasferisce a Zurigo dove un anno più tardi fonda e anima, assieme al futuro marito Hugo Ball, lo storico Cabaret Voltaire.

INFORMAZIONI:

Ingresso libero fino a esaurimento posti

Bookstore

via Milano 15/17

DATE:
23 aprile 2019, 18:30