ACCADEMIA DEGLI ARTEFATTI. KINDERGARTEN (PARADISO ARTIFICIALE CON LIBERA VISIONE DALL'ALTO)

12 > 14 luglio 2000


8ZERO/Melting Pot

L'Accademia degli Artefatti, una delle compagnie di punta della nuova scena teatrale italiana, presenta una nuova versione dello spettacolo "Kindergarten (paradiso artificiale con libera visione dall'alto)” appositamente ideata per il Palazzo delle Esposizioni.

E’ la costruzione di un mondo segreto, una sorta di giardino-museo, un viaggio attraverso il corpo, la vita e la morte, con uno sguardo ironico rivolto all’arte contemporanea. Una serie di habitat diversi nei quali i visitatori accedono a piccoli gruppi. Risucchiati da un armadio, precipitano in un giardino della memoria, con prato, fontana e frammenti archeologici e assistono a un’operazione chirurgica, che si svolge al di là di un velo, mentre un monitor mostra una sequenza di film erotici. Nella sala successiva, dove è allestito uno spazio ospedaliero, una delle visitatrici è fatta distendere sul lettino operatorio. Si entra poi nella stanza delle meraviglie, dove tre corpi sdraiati nelle teche alludono alla fine del viaggio. Al centro dello spazio troneggia un tableau vivant con l’evocazione dell’Eden, anch’esso inserito all’interno di una teca, mentre in lontananza si ode il frastuono di una discoteca.

Il percorso è allestito con lavori di Miriam Abutori, Paolo Bultrini, Rita Bucchi, Nicola Danesi de Luca, Simone Di Pietro, Sita Falchi, Valerio Musilli, Tiziana Novelli, Mauro Santoriello, Annalisa Zagaro.

La manifestazione è a cura di Fabrizio Arcuri e di Elio Castellana.
Pieghevole con testo a cura dell’Accademia degli Artefatti.

Enti promotori:
Comune di Roma
Assessorato alle Politiche Culturali
Azienda Speciale Palaexpo
Palazzo delle Esposizioni