DAFNI & PAPADATOS. THE MASTER LIST OF DEAD MEDIA.

9 > 26 novembre 2000


I giovani artisti greci, Dafni & Papadatos (Alexia Dafni 1970 - Georgios Papadatos 1969), propongono un itinerario di videoproiezioni concepito come un’unica installazione, composta da frammenti tratti da lavori diversi: See U C me del 1998, dove il volto di Dafni appare trasformato in quello di una eroina del cyberspace ed è accompagnato da frammenti della colonna sonora composta da Philippe Sarde per il film Le Locater (L’Inquilino del terzo piano) di Roman Polanski; Body Count del 1999, nel quale si sovrappongono automi settecenteschi a personaggi virtuali come Kyoto, eroina della televisione giapponese e The Untouchable del 2000, un lavoro presentato in questa occasione per la prima volta, che offre, proiettate sulla volta della sala espositiva, le immagini dello studio degli artisti trasformate in quelle di un claustrofobico videogame. Un itinerario, quello che la mostra propone, interessato ai temi della ricerca di identità e alla denuncia dei limiti della comunicazione telematica, cui fa da preambolo una lunga lista, frutto di una ricerca inedita su Internet, nella quale gli autori elencano gli strumenti di comunicazione non più utilizzati dall'uomo: dai tamburi delle tribù primitive ai segnali di fumo dei pellirossa, fino alle invenzioni più recenti cadute presto in disuso.
La mostra è a cura di Maria Grazia Tolomeo.
Pieghevole con testo di Ludovico Pratesi.

Enti promotori:
Comune di Roma
Assessorato alle Politiche Culturali
Azienda Speciale Palaexpo
Palazzo delle Esposizioni