JULIAN ROSEFELDT. NOTA BIOGRAFICA

Nato nel 1965 a Monaco, Julian Rosefeldt ha studiato architettura a Monaco e a Barcellona, laureandosi nel 1994.
Dal 2009 al 2010 è stato guest professor della facoltà di Media Art della Bauhaus-Universität di Weimar.
Dal 2010 è membro del Dipartimento di Film and Media Art della Bayerische Akademie der Schönen Künste di Monaco e dal 2011 è docente di Digital and Time-based Media all’Akademie der Bildenden Künste della stessa città.
 
Il suo lavoro consiste principalmente in film e video installazioni basate su proiezioni multi-canale, che spaziano dai lungometraggi di stile documentaristico come Lonely Planet a opere con una cifra teatrale e narrativa.
 
L’installazione Manifesto, di cui esiste anche una versione cinematografica e una versione teatrale, arriva per la prima volta in italia dopo essere stata presentata in alcuni dei principali musei del mondo.
 
Le opere di Julian Rosefeldt sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private, tra cui MoMA – The Museum of Modern Art a New York, Burger Collection a Hong Kong, Staatsgalerie a Stoccarda, Sprengel Museum a Hannover, The Saatchi Collection a Londra, Kunstmuseum Wolfsburg, Maison Européenne de la Photographie a Parigi. 
 

Vive e lavora a Berlino. Attualmente è borsista alla Accademia Tedesca di Roma Villa Massimo.